L’altra grafica. Tra pubblico e sociale
Gianni Latino, Armando Milani.


Texts Giovanni Anceschi, Francesco Dondina.
On the Contemporary, Catania
22 giugno–8 luglio 2018
Ph. Egidio Liggera
© On the Contemporary


Presso lo spazio On the contemporary, nuovo punto di riferimento sui temi del contemporaneo a Catania diretto da Anna Guillot, venerdì 22 giugno 2018 alle ore 18.00 sarà inaugurata la mostra L’altra grafica, tra pubblico e sociale di Gianni Latino e Armando Milani, due protagonisti significativi del panorama italiano della grafica contemporanea.
Attraverso un dialogo per immagini, Armando Milani e Gianni Latino dimostrano che ci può essere una grafica orientata in modo pressoché esclusivo a promuovere il consumo etico delle idee anziché quello più strettamente commerciale di beni o servizi.
Si tratta di quella grafica “altra” che, come spiegava Umberto Eco:
«[...] potrebbe essere quella che si oppone alla grafica di consumo, che non invita all’acquisto, che non persuade alla bontà di un prodotto [...], » bensì è rivolta alla dimensione sociale, culturale e civile dell’esistenza.
Una grafica che a volte può rivelarsi fortemente polemica e politicamente schierata, a volte semplicemente emozionale ma sempre e comunque sensibile ai temi del vivere sociale, del consumo responsabile, della convivenza e della condivisione delle esperienze e dei saperi.
Scrive Giovanni Anceschi «Oggi, impiegare l’espressione Altra Grafica, come fanno Milani e Latino, vuol dire qualcosa di un po’ diverso; senza più demonizzare i ruoli svolti dalla comunicazione nel quadro dei cicli economici, il grande Maestro stellare Armando Milani e il giovane talentuoso Maestro Gianni Latino rivendicano una scelta di campo. Rivendicano un ruolo guida nel contesto culturale, sociale e civico del progetto e nella configurazione degli strumenti e dei messaggi che materializzano e danno corpo all’insieme delle relazioni sociali nel quadro della nostra civilizzazione tanto complessa e così tanto in tensione».
La mostra consta di sedici poster progettati dal 1975 al 2018, capaci di attivare una originale dialettica visiva narrando il binomio pubblico/sociale tra scelte progettuali e di contenuto. Per l’occasione è stato prodotto un catalogo (Tyche), con scritti di Giovanni Anceschi e Francesco Dondina.








   ©️  onthecontemporary 2020